La Ferriera

  • 03042 - Atina (FR) Via Ferriera, 743
  • Contatti:

La necessità di incrementare la produzione del ferro e della ghisa per potenziare gli armamenti sulle unità navali della Marina del Regno di Napoli, spinse Federico II di Borbone ad effettuare studi di mineralogia a ridosso delle aree suddette. L’estrazione e la lavorazione del ferro ha rappresentato uno dei settori più rilevanti delle economia di questa area. L’antico stabilimento per la fusione del ferro fu edificato nella seconda metà del 1860 nella frazione di Rosanisco, a 200 metri dalla sponda destra del fiume Melfa e poco distante dalla strada rotabile Sferracavalli che andava a congiungersi con quella Regia di San Germano, l’odierna Cassino. Dopo l’unità d’Italia fu abbandonata e inclusa tra i beni demaniali da alienare. Oggi si possono ammirare il fronte principale dello stabilimento che si presenta architettonicamente imponente, lineare e vagamente neoclassico, un primo altoforno sul quale è visibile un bellissimo stemma borbonico scolpito in pietra e un ampio scavo a forma di piramide con il vertice in giù, rivestito di muratura di pietra calcarea. Nel 1878, i fratelli Visocchi la acquistarono destinandola ad altre funzioni. Nel 1947 essa fu acquistata dalla famiglia Mancini, tuttora proprietaria. Oggi il complesso siderurgico ospita, nei locali già adibiti a magazzini e uffici di amministrazione, una cantina con moderni impianti per la produzione del vino.

Info utili

  • Coordinate: 41.6341019,13.7995005
  • Giorni di apertura: -

Visualizzalo sulla mappa